La Resistenza in Liguria e la liberazione di Genova

di Paolo Battifora, Coordinatore scientifico Ilsrec Liguria, regione di importanza strategica La Liguria rappresentava per i tedeschi una regione di rilevante importanza dal punto di vista strategico e produttivo. Sin dai primi mesi dell’occupazione del territorio vennero avviati lavori di potenziamento delle difese costiere, al fine di contrastare un possibile sbarco alleato sulla riviera ligure. […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

La Resa di Villa Migone

Nel pomeriggio del 25 aprile, Villa Migone accoglie le due delegazioni per le trattative di resa: quella tedesca  è composta dal generale Meinhold, dal capitano Asmus e  dal sergente, con funzione di interprete, Joseph Pohl (che si sarebbe suicidato nel corso della notte), mentre quella resistenziale è guidata dal comunista Remo Scappini (Giovanni o Mario […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Genova, città Medaglia d’oro al Valor militare

Con questa motivazione il I agosto 1947 viene concessa alla Città di Genova la Medaglia d’Oro al Valor militare «Amor di Patria, dolore di popolo oppresso, fiero spirito di ribellione, animarono la sua gente nei venti mesi di dura lotta il cui martirologio è messa fulgida gemma all’aureo serto di gloria della “Superba” Repubblica Marinara, […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Paolo Emilio Taviani

(Pittaluga) 1912-2001 Si laurea in giurisprudenza nel 1934 all’università di Genova, in scienze sociali nel 1936 all’università di Pisa e in filosofia nel 1938 all’università cattolica di Milano. Ancora studente si iscrive alla Fuci, ricoprendone la carica di presidente dal 1932 al 1935. Nel biennio 1936-37 frequenta il corso allievi ufficiali di artiglieria d’armata a […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Carmine Alfredo Romanzi

(Stefano) 1913- 1994 Laureato in medicina all’università di Napoli, dopo essersi trasferitosi a Genova nel 1940 diviene assistente presso l’Istituto di igiene dell’ateneo cittadino, entrando in contatto con gli ambienti antifascisti. Richiamato alle armi come tenente medico, inviato prima in Francia e poi in Albania e Jugoslavia, tornato infine nel capoluogo ligure per esigenze di […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Remo Scappini

 (Giovanni o Mario Rossi) 1908-1994 Nato in una famiglia operaia, fin da giovane si avvicina all’attività politica. Nel 1921, in seguito ai tumulti anarco-socialisti di Empoli, costati una condanna al padre e ad altri suoi familiari, si impegna nella raccolta di aiuti in favore di detenuti politici e, nel dicembre 1923, si iscrive alla Federazione […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Günther Meinhold

1889-1979 Generale tedesco a capo, dal 1° marzo 1944, del Comando di Genova, con una competenza territoriale che andava dal passo del Turchino sino alla cittadina di Levanto sulla riviera di levante. Proveniente da una famiglia di Junker della Pomerania, combattente durante la Grande guerra e reduce, nella Seconda guerra mondiale, dai fronti polacco, russo […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Ricordo di Emilio Costadura

Nato a Genova nel 1927, laureato in lettere classiche, Emilio Costadura è stato a lungo professore e preside nei licei, rivestendo, a partire dal 1973, incarichi didattici in Germania, Svizzera e Francia. Persona di grande cultura, misura e gentilezza, nel corso degli anni ha coltivato una passione letteraria sfociata nella pubblicazione di libri memorialistici e […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Liliana Segre

Liliana Segre  nasce a Milano da una famiglia ebraica. Orfana di mamma, morta quando aveva meno di un anno, venne espulsa dalla scuola a soli otto anni a seguito dell’emanazione delle leggi razziali in Italia. Nel 1943, con suo papà, cerca di fuggire in Svizzera, ma viene respinta dalle guardie di frontiera e consegnata alle […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

La famiglia Salmoni

La mia famiglia e le leggi razziali fasciste del 1938. Gilberto Salmoni La mia famiglia era composta da 5 persone, padre e madre e tre figli: era per noi naturale considerare parte integrante della famiglia il carissimo nonno materno Vittorio Belleli, proprietario dell’appartamento dove vivevamo tutti insieme, in Via Ippolito d’Aste, nel centro della città. […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi