Liliana Segre

Liliana Segre  nasce a Milano da una famiglia ebraica. Orfana di mamma, morta quando aveva meno di un anno, venne espulsa dalla scuola a soli otto anni a seguito dell’emanazione delle leggi razziali in Italia. Nel 1943, con suo papà, cerca di fuggire in Svizzera, ma viene respinta dalle guardie di frontiera e consegnata alle […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

La famiglia Salmoni

La mia famiglia e le leggi razziali fasciste del 1938. Gilberto Salmoni La mia famiglia era composta da 5 persone, padre e madre e tre figli: era per noi naturale considerare parte integrante della famiglia il carissimo nonno materno Vittorio Belleli, proprietario dell’appartamento dove vivevamo tutti insieme, in Via Ippolito d’Aste, nel centro della città. […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Edoardo Pietro Mambilla

Nato a Genova nel 1942, manifesta sin da piccolo  un precoce talento nel disegno dal vero. Pur avendo seguito studi classici e giurisprudenziali e poi intrapreso una professione in ambito assicurativo-finanziario, Mambilla ha continuato nel corso degli anni a coltivare la passione pittorica. Da alcuni anni si dedica alla sperimentazione di tecniche basate su una […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Dora Salmoni

Dora Salmoni Dora Salmoni nasce a Genova il 19 gennaio 1918. Il padre Gino (Firenze, 1878), perito agrario, era vice-direttore dell’Ispettorato Provinciale di Agricoltura; la madre, Vittorina Belleli, figlia di un greco nato a Corfù ma poi stabilitosi a Genova in giovane età, aveva frequentato la Scuola svizzera di Genova, conosceva il francese e amava […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Giuseppe Balduzzi (Marco II)

Studente della facoltà di giurisprudenza all'università di Genova, Giuseppe Balduzzi (Marco II) dal febbraio 1943 frequenta il corso allievi ufficiali. Dopo l'8 settembre, ventunenne, entra a far parte della Resistenza iniziando a svolgere attività organizzative clandestine nell'ambito universitario. Nella primavera del 1944, arrestato a Genova dalla Gnr, riesce ad evadere e a raggiungere in val […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Antonio Zolesio (Chiappori o Umberto Parodi)

Tenente di vascello di complemento della Marina, nel settembre 1938 viene destinato a Pola e successivamente all'Istituto idrografico della Marina di Genova, dove, fra il 1940 e il 1941, organizza cellule antifasciste, ponendosi in contatto con Eros Lanfranco (Lanata), Mino Steiner, Mario Zino (Lorenzo) e altri esponenti dell'azionismo genovese. Dopo l'8 settembre collabora alla Resistenza, […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Giorgio Olivero (Giorgio)

Studente universitario in chimica industriale, nell'agosto 1942 viene richiamato alle armi. Nel gennaio 1943 viene assegnato alla 4ª batteria di artiglieria di montagna. Dopo l'8 settembre decide di unirsi alla Resistenza con la quale opera in val d'Ossola, val Chisone e val Pellice. Nel giugno 1944 viene assegnato dal Cln di Alassio alla 13ª brigata, […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Bruno Minoletti (Pareto)

Nato a Milano da una famiglia di origine piemontese, si iscrive giovanissimo al Partito liberale e all’età di diciannove anni ne diventa il segretario giovanile cittadino. Già in quel periodo rivela profondi convincimenti antifascisti, attraverso una serie di articoli di carattere politico-culturale pubblicati su vari giornali e riviste. Nel 1926 si trasferisce a Genova, dove […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Enrico Martinengo (Durante)

Generale di brigata, nel febbraio 1945 viene nominato dal Comando generale del Cvl, su proposta del Cln Liguria, alla guida del Comando militare regionale ligure. Questa designazione mette fine a un vuoto di potere dovuto all’arresto del suo predecessore, il generale Cesare Rossi (Carli). Indipendente dal punto di vista politico, attento alle logiche dell’efficienza militare, […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Lilio Giannecchini (Toscano)

Nel 1941 è disegnatore tecnico presso l’Ansaldo Meccanico di Genova Sampierdarena e l’anno successivo diventa membro di una cellula comunista, partecipando allo sciopero dello stabilimento. Arrestato e condotto al 4° braccio del carcere di Regina Coeli a Roma, viene condannato dal Tribunale speciale ad oltre sette anni di reclusione, ottenendo la sospensione della pena perché […]

Condividi questo articolo se lo hai trovato interessante

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi